Beatificazione Aldo Moro: report sbugiardato dalla Congregazione per le Cause dei Santi

Beatificazione Aldo Moro: report sbugiardato dalla Congregazione per le Cause dei Santi

di Salvatore Di Bartolo – “Presso la Congregazione per le Cause dei Santi non vi è alcuna causa di beatificazione riguardante l’onorevole Aldo Moro”. Ciò, è quanto si apprende da una nota trasmessa dal sopracitato dicastero in risposta ad un servizio della trasmissione di Rai3 Report, andata in onda lo scorso lunedì, facente riferimento a presunte richieste di denaro avanzate allo scopo di facilitare l’iter della causa di beatificazione di Aldo Moro. Detto comunicato, smentisce dunque le affermazioni asserite da Nicola Giampaolo, pseudo-postulatore della suddetta causa, secondo cui sarebbero state avanzate nei suoi confronti richieste di tangenti da parte del sottosegretario del Dicastero per favorire la causa di beatificazione dell’ex presidente della Dc.

“Giampaolo non è stato mai ratificato da questo Dicastero come postulatore della causa in questione”, viene precisato nella nota, “nel mese di aprile 2018 questa Congregazione è stata informata che i promotori della causa dell’onorevole Aldo Moro avevano autonomamente revocato al signor Giampaolo il mandato di postulatore per la fase diocesana provvedendo a nominarne uno nuovo”. La richiesta finanziaria di cui lo stesso Giampaolo ha parlato, specifica la Congregazione per le Cause dei Santi, non avrebbe quindi potuto essere avanzata da quest’ultimo nel giugno 2018, come egli stesso afferma, in quanto all’epoca dei fatti, Nicola Giampaolo non era più postulatore.

Anche monsignor Boguslaw Turek, sottosegretario della Congregazione, tirato direttamente in ballo dal servizio di Report, ha fermamente smentito tramite un fax inviato alla redazione della trasmissione di Rai3, le accuse a lui indirizzate di presunte richieste di denaro, provvedendo prontamente a ribadire che quanto asserito dal servizio non corrisponde al vero.

Lo stesso sottosegretario, ha infine voluto precisare di non aver mai trattato o avuto in alcun modo a che fare con la causa dell’onorevole Moro, in quanto la stessa non è mai stata presentata alla Congregazione.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *