Il Patriarca Latino Pizzaballa: “Gerusalemme ha una vocazione universale che riguarda tutto il mondo e per questo deve restare aperta a tutti”

Il Patriarca Latino Pizzaballa: “Gerusalemme ha una vocazione universale che riguarda tutto il mondo e per questo deve restare aperta a tutti”

Noi Chiese di Gerusalemme abbiamo il dovere di preservare la testimonianza di luce (della Pasqua, ndr.) davanti al mondo intero e prima di tutto alle nostre comunità, in Palestina, in Israele, in Giordania e soprattutto a Gerusalemme, la Città Santa che conserva la memoria di tutta la storia della rivelazione, della morte e risurrezione di Cristo, e che ha una vocazione universale, che riguarda tutto il mondo, e per questo deve restare aperta a tutti”. Lo ha detto Pierbattista Pizzaballa, patriarca Latino di Gerusalemme, nello scambio di auguri per la Pasqua ortodossa, avvenuto ieri presso il Patriarcato greco ortodosso, a Gerusalemme, alla presenza di Teofilo III, patriarca greco-ortodosso, di Hosam Naoum, nuovo vescovo della diocesi anglicana di Gerusalemme, dell’arcivescovo Anba Antonious, metropolita copto di Gerusalemme e del Vicino Oriente, e di diversi altri sacerdoti e capi di chiese a Gerusalemme.

Nel suo messaggio, riportato oggi dal Patriarcato Latino, Pizzaballa ha fatto anche riferimento alla pandemia di Coronavirus che ha provocato la cancellazione di tutti i progetti pastorali e comunitari, la chiusura di chiese e scuole, lo stop dei pellegrinaggi con conseguente perdita di posti di lavoro. Da parte sua, il patriarca Teofilo III ha sottolineato il significato della Pasqua, specialmente a Gerusalemme, dove Gesù Cristo è risorto.

Ha aggiunto che “i fedeli della Terra Santa hanno un messaggio da dare al mondo, perché testimoniano la risurrezione di Cristo”.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.