Catania. Percorso diocesano per una ecologia integrale

Catania. Percorso diocesano per una ecologia integrale

La 49a Settimana Sociale che si terrà a Taranto dal 21 al 24 ottobre 2021 sul tema: Il pianeta che
speriamo. Ambiente, lavoro e futuro. #tuttoèconnesso, rappresenta una tappa fondamentale per
maturare una piena consapevolezza della questione ambientale e specificamente del rapporto
ambiente – lavoro seguendo la prospettiva dell’Ecologia Integrale della Laudato Si’.
Nei Lineamenta, si evidenzia il rapporto tra ecologia ed economia, tra ambiente e lavoro, tra crisi
ambientale e crisi sociale, proprio seguendo l’indicazione della Laudato Si: «non ci sono due crisi
separate, una ambientale e un’altra sociale, bensì una sola e complessa crisi socio-ambientale» (n.
139). La crisi socio-ambientale lascia conseguenze in territori sempre più vulnerabili e in persone
sempre più fragili. Da Taranto può ripartire un progetto di vita sociale e di comunità che ascolta il
grido sofferente delle persone e della terra.
Il tema di un’ecologia integrale costituisce una chiave di volta per riconnettere la sapienza
cristiana con la transizione delicata che il mondo intero sta attraversando. Di fronte alla somma
dei problemi che si scaricano sulla vita delle persone e delle comunità, lo sguardo della Laudato Si’
apre una via di speranza per tutti gli uomini di buona volontà.
Tutto è in relazione. Una relazionalità costitutiva che tocca il cuore della questione antropologica
contemporanea arrivando però a coinvolgere direttamente gli stili di vita delle persone e delle
comunità ma anche le scelte di fondo di ordine politico ed economico.
Altra forte connessione è quella con The Economy of Francesco e con il Sinodo per i Giovani.
Rendere protagonisti i giovani della transizione ecologica è una leva fondamentale per trovare soluzioni al grido della terra e dei poveri.
Il Comitato delle Settimane sociali ha promosso una serie di incontri formativi ed ha poi affidato il
compito alle Conferenze regionali e alle Diocesi, con l’intento preciso di trovare sui territori delle
buone pratiche, dialogare con gli innovatori, identificare a partire dai loro bisogni e dai bisogni dei
territori le politiche più necessarie, pensare ad un prosieguo dopo le settimane sociali del percorso
con i cantieri di novità che coniugano soluzioni di sostenibilità ambientale e dignità del lavoro.
L’Ufficio Regionale di PSL si è attivato ed ha chiesto alle Diocesi:
  • di elaborare percorsi di animazione
  • di individuare le buone pratiche
  • di formulare proposte concrete
Nell’Arcidiocesi di Catania, l’Ufficio Diocesano per i problemi sociali e lavoro, Giustizia, Pace e  Salvaguardia del Creato ha coinvolto il Circolo Laudato Si La Casa Comune, che raggruppa al proprio interno diverse esperienze ecclesiali ed esperienze di altre chiese e religioni.
Sul primo punto, sono previsti alcuni incontri online, sui temi della Instrumentum laboris e sulle buone pratiche di ecologia integrale territoriali.
Sul secondo punto, l’Ufficio diocesano propone una semplice scheda, che può essere compilata da persone, aziende, comuni e enti di terzo settore impegnati a realizzare quotidianamente i principi di Ecologia Integrale nelle loro attività ed indirizzata alla mail del referente dell’ufficio pastorale Dott. Inserra ninniinserra@gmail.com entro e non oltre il 20 maggio 2021.
Gli stessi soggetti potranno condividere le buone pratiche con il Comitato Nazionale delle
Settimane Sociali sul sito web https://indicatoriecologiaintegrale.it/ in cui è presente un
questionario che può essere compilato per essere segnalati come buone pratiche e che aiuta
nell’individuare e valorizzare i propri punti di forza grazie agli indicatori di Ecologia Integrale.
Sul terzo punto, si prevede un confronto specifico per individuare possibili percorsi territoriali di condivisione e diffusione di esperienze e cultura legate all’ecologia integrale.
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.