Disabile si lamenta per spaccio davanti casa, pestato e derubato

Disabile si lamenta per spaccio davanti casa, pestato e derubato

di Salvatore Di Bartolo – I carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Siracusa hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per tre cittadini siracusani rispettivamente di 34, 32 e 28 anni per rapina e lesioni personali. Gli arresti sono scaturiti in seguito ad una violenta aggressione avvenuta ai danni di un ragazzo disabile risalente al novembre del 2020, colpevole, a loro modo di vedere, di essersi lamentato per la presenza  di spacciatori locali davanti la palazzina in cui abita.

Secondo quanto ricostruito dai militari dell’Arma, il giovane, era stato attirato con una scusa nell’androne di una palazzina sita nella zona nord di Siracusa per poi essere aggredito con calci e pugni, provocandogli la frattura scomposta del setto nasale.
Dopo il pestaggio, alla vittima sono anche stati strappati un orologio, una collanina e l’apparecchio acustico. 
Il gruppo di malviventi avrebbe deciso di punire il ragazzo per la sua insolenzaarrivando perfino ad umiliarlo per la sua disabilità privandolo dell’apparecchio acustico”, come sottolineano i carabinieri di Siracusa. 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *