La Pop-Theology fra le mura del carcere di Noto

La Pop-Theology fra le mura del carcere di Noto

La bella notizia di un Dio che ama tutti, senza alcuna distinzione di santità o fragilità, può e deve arrivare anche fra le mura di un carcere dove si dà per scontata la presenza  di persone che non meritano alcuna considerazione e misericordia.

È vero che nella loro vita hanno commesso degli sbagli e hanno fatto del male che, per la loro gravità li ha confinati fra quattro mura, lontani da casa e dalla famiglia, ma ciò non vuol dire che hanno perduto il loro essere uomini e soprattutto figli di Dio. Perché Gesù avrebbe altrimenti detto: «Ero carcerato e siete venuti a visitarmi?…». Sì,  nel cuore di Dio ci sono anche i carcerati e quindi devono essere anche nel cuore della Chiesa. Noto vanta una bella esperienza con la realtà del carcere da tantissimo tempo: attualmente il nostro giornale diocesano dedica una pagina agli articoli scritti dai detenuti, c’è una presenza attiva e concreta del cappellano don Sebastiano Boccaccio e di tanti volontari e non manca sicuramente la cura e la sollecitudine del Vescovo Mons. Antonio Staglianò che tante volte ha portato la gioia della sua presenza e del conforto di Dio.

Per continuare su questa scia virtuosa di vicinanza si è pensato di realizzare nella mattinata di giorno 19 Giugno prossimo un incontro musicale secondo lo stile della Pop-Theology, proprio nel carcere di Noto, per parlare ai detenuti di Gesù, della bellezza della vita e dei valori che le danno veramente senso.

Partendo da alcune canzoni Mons. Staglianò avrà sicuramente un bel messaggio da consegnare ai presenti, un messaggio che può e deve riecheggiare nel loro cuore anche dopo l’evento, per dare speranza e occasione di riflettere. Alcuni brani saranno eseguiti dal Vescovo stesso coadiuvato dal Diacono don Franco Agosta, Direttore dell’Ufficio Diocesano per la Pop-Theology e dalla cantante Delia Barone.  Auspichiamo che la comunità diocesana affidi alle sue preghiere questa iniziativa perché porti tanti buoni frutti.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.