Diocesi di Agrigento. Mostra: “Gli antichi libri liturgici della Chiesa Agrigentina XVII-XX secolo”

Diocesi di Agrigento. Mostra: “Gli antichi libri liturgici della Chiesa Agrigentina XVII-XX secolo”

Nell’abito dell’’iniziativa Le “Serate settembrine” sul Colle di Agrigento oggi 15 settembre alle ore 19,00 in Cattedrale si terrà l’inaugurazione della “Gli antichi libri liturgici della Chiesa Agrigentina XVII-XX secolo”.

Interverranno don Rino Lauricella (Direttore del Centro per la Liturgia), don Giuseppe Lentini ( Direttore dell’Archivio Storico dell’Arcidiocesi di Agrigento) don Baldo Reina (Rettore del Seminario – Biblioteca del Seminario) Domenica Brancato (Storica dell’Arte dell’Arcidiocesi di Agrigento).

È stato allestito – dice don Giuseppe Pontillo direttore del Museo Diocesano – un percorso espositivo dedicato alla conoscenza del patrimonio archivistico e artistico custodito nei tre Istituti di cultura dell’Arcidiocesi di Agrigento (Museo, Archivio e Biblioteca). In mostra i messali romani di papa Pio V, provenienti dalla Cattedrale e recentemente restaurati; il più antico messale esposto è quello appartenuto al vescovo Rhini (1676-1696) al (Custodito al Mudia) seguono i messali appartenuti al vescovo Antonio Colonna Branciforte (1776-1786) e al vescovo Baldassare Leone (1808-1820).

In mostra anche alcuni pontificali. La selezione offre una panoramica di rare ed originali edizioni che si distinguono per la raffinatezza delle decorazioni e la creatività artistica di stampatori e abili incisori, nonché per le pregevoli coperte in cuoio con impressioni a caldo in oro degli stemmi dei vescovi. L’Archivio esporrà fonti manoscritte, Atti dei vescovi (1547-48 al 1631-32) e rescritti della Sacra Congregazione dei Riti, con indicazioni e prescrizioni per le attività liturgiche e sacramentali.

La Biblioteca Diocesana del Seminario esporrà un raro Vangelo del XX secolo con temi iconografici, scelte cromatiche e tecniche esecutive che richiamano i miniatori e amanuensi medievali”.

(Fonte Amicodelpopolo)

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *