Federconsumatori, sulla pesca sostenibile cosa pensano i siciliani?

Federconsumatori, sulla pesca sostenibile cosa pensano i siciliani?

La stagione della pesca illegale del tonno è già iniziata, con diversi grossi esemplari già sequestrati dalla Guardia Costiera, e con il pregiato pesce che è già nei menu di molti ristoranti siciliani. Ma troppi siciliani non sono ancora abbastanza informati su come riconoscere il pesce legale e, purtroppo, non sono disposti a pagare di più per avere la certezza sulla tracciabilità del tonno che stanno mangiando. È ciò che emerge dalla lettura dei dati raccolti tra 2021 e inizio 2022 da Federconsumatori Sicilia e Dipartimento del Mare della Fondazione YMCA Italia, diretto dalla professoressa Daniela Mainenti. Dati per certi versi allarmanti, perché se è vero che l’85% dei siciliani afferma di preferire l’acquisto del pesce fresco a quello surgelato (e l’81% acquista tonno fresco), è altrettanto vero che il 59% di loro non pagherebbe di più per avere la garanzia che il pescato sia sostenibile.

Il 46% di chi ha risposto al sondaggio di Federconsumatori e YMCA afferma di non chiedere nemmeno da dove provenga il pesce che sta comprando e il 50% afferma che la scelta di un marchio di tonno in scatola dipende soprattutto dal prezzo, mentre ben il 79% non tiene conto dell’eventuale presenza di un marchio di qualità sulla confezione. «È chiaro che c’è moltissimo lavoro di informazione e sensibilizzazione da fare – spiega il presidente di Federconsumatori Sicilia, Alfio La Rosa – ma è altrettanto chiaro che le forze dell’ordine devono aumentare i controlli, sia in mare che in banchina e al ristorante, e che gli organi d’informazione debbano aiutarci a diffondere il messaggio che il pescato illegale non è sicuro e fa malissimo all’ambiente».

«Dal nostro punto di vista di studiosi del fenomeno della illegalità “dal mare al piatto”, – aggiunge la professoressa Daniela Mainenti con il Dipartimento del Mare della Fondazione YMCA Italia, stiamo contribuendo a formulare possibili soluzioni di contrasto, sensibilizzazione e formazione degli operatori dell’intera filiera».

(Fonte Diocesi di Mazara)

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.