Successo per “Sicilia in bolle” Gli spumanti siciliani in vetrina

Successo per “Sicilia in bolle” Gli spumanti siciliani in vetrina

Le sfaccettature e le declinazioni degli spumanti siciliani sono stati celebrati a “Sicilia in bolle”, la manifestazione vinicola che per tre giorni ha reso la provincia di Agrigento “capitale” delle bollicine.

“L’ottava edizione appena conclusa lo scorso weekend è stata un’intensa attività con un notevole coinvolgimento dell’intero comparto – spiega Calogero Trupia, Delegato dell’Associazione Italiana Sommelier per le città di Agrigento e Caltanissetta – . Ancora una volta si conferma il successo di Sicilia in Bolle, diventato uno degli eventi più importanti e attesi dagli amanti del vino”.

Ad aprire i lavori come da programma sono state le “Donne del Vino”, associazione di settore che conta nell’isola 64 socie di varie professioni enologiche: l’agronoma, l’enologa, la sommelier e tante altre figure tutte della filiera del vino, insieme alle produttrici hanno osservato e relazionato sulla declinazione al femminile delle bollicine e delle cantine durante una serie di masterclass. In totale sono stati 6 i premi intitolati alla memoria del socio “Alberto Gino Grillo”, assegnati dal Presidente regionale Francesco Baldacchino durante la tradizionale cena di gala.

“Sua Altezza 650” Brut Tenute Lombardo è stato il miglior Charmat in bianco, “Fushà” Brut rosé Baglio di Pianetto è stato il miglior Charmat in rosa, “Almerita” brut 2017 Tasca d’Almerita proclamato miglior metodo classico in bianco mentre Rosé Brut 2016 Donnafugata è risultato il miglior metodo classico in rosa. Altri due premi per altrettante cantine che si sono distinte come miglior performance aziendale: insignite le etichette “Perla” Brut di Bagliesi e Noblesse Brut 2017 di Benanti.
La serata finale ha registrato più di 600 presenze che si sono distribuite tra i 43 banchi di degustazione.

 

Share