• 23 Luglio 2024 17:01

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

CESI. Oltre 800 catechisti al raduno regionale. Mons. Gisana: “la vita sia testimonianza di fede”

Sono stati oltre 800 i partecipanti al raduno regionale dei catechisti, organizzato a Caltanissetta dall’Ufficio regionale per la catechesi della Conferenza episcopale siciliana. L’appuntamento è stato parte integrante del convegno di catechesi che si è svolto a Caltanissetta, appunto, venerdì 21 e sabato 22 giungo.

L’evento dal titolo “Ascolto, comunicazione e linguaggi: evangelizzare nel contesto siciliano” ha visto, nella prima giornata, prima un momento di condivisione e di confronto con sacerdoti delle diverse diocesi dell’Isola e, poi, di approfondimento e riflessione con le equipe catechistiche delle diocesi siciliane. Durante il raduno, quanti si occupano di catechesi in Sicilia hanno avuto l’opportunità di partecipare a workshop tematici, conferenze e momenti di preghiera e riflessione.

Gli interventi dei relatori hanno offerto spunti preziosi per affrontare le sfide attuali della trasmissione della fede: Andrea Monda (direttore de L’Osservatore Romano), mons. Valentino Bulgarelli (direttore dell’Ufficio catechistico nazionale della Cei) e Marco Tibaldi (formatore, consulente dell’Ucn, direttore dell’Istituto di scienze religiose di Bologna) hanno dibattuto su “Intelligenza artificiale e testimoni digitali. Tra contenuti e testimonianza”.

Alla manifestazione sono stati presenti mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale e presidente della Cesi, mons. Mario Russotto vescovo di Caltanissetta, e Mons. Mario Russotto, vescovo di Piazza Armerina e delegato per la catechesi, il quale così si è rivolto ai catechisti sottolineando l’importanza che hanno come testimoni e annunciatori del Vangelo nelle loro comunità: “Oggi si è riflettuto sulla comunicazione e sull’apprendimento dei nuovi linguaggi della vita nel contesto della fede cristiana. Lo Spirito Santo è guida e autore della nostra storia, anche nei momenti di difficile comprensione comunicativa. L’esistenza di ogni persona è una profezia vivente e un messaggio di salvezza attraverso l’esperienza personale e comunitaria. Gesù, che parlava il linguaggio del suo tempo e trasmetteva messaggi di fede, ci invita a fare altrettanto. La nostra vita deve essere una testimonianza di fede, capace di parlare ai cuori delle persone”.

Al termine della giornata di festa don Carmelo Sciuto, della diocesi di Acireale e direttore dell’Ufficio Catechistico Regionale, ha rivolto un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita di quest’evento, ai relatori ed ai catechisti partecipanti, sottolineandone passione e dedizione: “Tornate con entusiasmo nelle vostre diocesi. Salutate i vostri vescovi e parroci che vi sostengono in questo cammino. La Chiesa sia aperta e innovativa, cercando costantemente nuovi modi e strumenti per annunciare il Vangelo”.