• 17 Aprile 2024 21:23

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

La Fraternità francescana a La Spezia: “Il vero miracolo è essere vicini alle persone che soffrono”

La Spezia è una città italiana tra Pisa e Genova, a quattrocentoventi chilometri da Roma. È stata costruita nella stretta valle che collega le montagne al Mar Ligure, che fa parte del Mediterraneo. Secondo Fr. Almiro Modonesi, OFM, responsabile del progetto francescano, prima della Seconda Guerra Mondiale l’attuale santuario aveva il nome di San Francesco d’Assisi. La città fu bombardata all’inizio del 1941. Del santuario rimase solo l’immagine lignea intagliata di Sant’Antonio. Per questo motivo, dopo la ricostruzione, il santuario fu ribattezzato con il nome di Sant’Antonio di Padova. Vi ha sede una fraternità di frati francescani.
In questo santuario e in questa città, Sant’Antonio continua a compiere miracoli d’amore. La presenza francescana in questo luogo fornisce assistenza sacramentale ai fedeli e offre anche servizi per i senzatetto, i migranti, i rifugiati e i poveri.

Fr. Almiro racconta che poco prima della pandemia COVID-19, le strutture sono state rinnovate. La cucina e la sala da pranzo sono state ristrutturate. Ogni giorno viene offerto il pranzo a una media di quaranta-sessanta persone, per lo più migranti e rifugiati provenienti dall’Africa e dall’America Latina. Il menù somiglia a quello di un qualsiasi ristorante locale.
I beneficiari apprezzano e sono grati per il cibo, ma soprattutto per il trattamento fraterno e la presenza quotidiana dei frati. Inoltre, la struttura dispone di servizi igienici e docce per i commensali. Il progetto fornisce loro vestiti per ogni stagione dell’anno, medicine di base, piccole cure, ecc. Emanuele Alberio, OFM, li accoglie ogni giorno con un sorriso pieno di serenità e pace. Inoltre, circa venticinque famiglie beneficiano mensilmente di un cesto alimentare di base.
Accanto alla sala da pranzo, c’è un altro spazio di accoglienza chiamato “Centro de escucha” (Centro di ascolto). Questo progetto è iniziato nell’aprile 2017. Qui, chi lo desidera può condividere la propria vita e le proprie difficoltà con volontari professionisti che instaurano una relazione più profonda basata sull’ascolto e sull’aiuto.

Tutto questo è possibile grazie ad un’associazione che si occupa di gestire i fondi con imprese locali, famiglie e singoli. La festa di Sant’Antonio è un momento opportuno per raccogliere aiuti, anche il Natale fa la sua parte.
Fr. Gianluigi Ameglio, OFM, guardiano della fraternità, racconta che a poco a poco ci si è resi conto di quanto sia prezioso l’aiuto economico sia per chi lo dà sia per chi lo riceve, ma che “il vero miracolo è essere vicini alle persone che soffrono”. Così è nato il volontariato dei laici della città.
Per esempio, il servizio di refezione è composto da circa 65 volontari suddivisi in sei squadre, una per ogni giorno. Preparano il cibo e i tavoli, servono il cibo e puliscono il posto. Questo richiede circa cinque ore al giorno. Altri gruppi si occupano di smistare e ordinare i vestiti donati. Quando le è stato chiesto cosa ottiene dal suo lavoro di volontariato, una persona ha risposto: “Quello che ottengo come volontario dà un senso alla mia vita”. Fr. Gianluigi testimonia che quando una persona serve il suo prossimo, incontra Cristo e questo porta a un cambiamento di vita.

Fr. Piero Di Luca, OFM, è cappellano del carcere di La Spezia, i cui detenuti sono per lo più di altre nazionalità. Allo stesso tempo, il piccolo orto della fraternità viene lavorato con grande impegno da Fr. Piero e Fr. Ennio Bellocchi, OFM, che a ottantatré anni continua ad accompagnare sacramentalmente molti fedeli.
Fr. Gianluigi è parroco della parrocchia particolare della Stella del Mare nel porto di La Spezia. È anche direttore dell’Ufficio Migrazioni della diocesi. Questo gli permette di accompagnare pastoralmente la popolazione migrante della città. Il gruppo più numeroso e meglio organizzato è quello della Repubblica Dominicana, che ogni gennaio celebra con grande emozione la sua patrona, Nostra Signora di Altagracia. Insomma, gran parte delle forze di questa fraternità francescana sono rivolte all’assistenza dei migranti e dei rifugiati presenti alla Spezia.
“Qui facciamo sentire amata ogni persona”, dice Fr. Gianluigi. Chi è questa persona? Può essere l’uomo di strada, il migrante, il volontario, il frate, il cuoco, il membro del coro, ecc. È un circolo virtuoso che rende possibile il miracolo dell’accoglienza, della protezione, della promozione e dell’integrazione. Le quattro parole di Papa Francesco.