• 20 Aprile 2024 9:12

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

Educazione alla povertà: povertà come annuncio

Diilsycomoro

Feb 14, 2024

A chi vuole imparare la povertà, la prima cosa da insegnare è che la ricchezza è cosa buona.

I beni della terra non sono maledetti. Tutt’altro. Neppure i soldi sono maledetti.

Continuare a chiamarli sterco del diavolo significa perpetuare equivoci manichei che non giovano molto all’ascetica, visto che anche i santi, di questo sterco, non hanno disdegnato di insozzarsi le tasche.

I beni della terra non giacciono sotto il segno della condanna. Per ciascuno di essi, come per tutte le cose splendide che nei giorni della creazione uscivano dalle mani di Dio, si può mettere l’epigrafe: “ed ecco, era cosa molto buona”.

Se la ricchezza della terra è buona, però, c’è una cosa ancora più buona: la ricchezza del Regno, di cui la prima è solo un pallidissimo segno. Ecco il punto. Ci vorrà fatica a farlo capire agli apprendisti. Ma è il nodo di tutto il problema. Farsi povero non deve significare disprezzo della ricchezza, ma dichiarazione solenne, fatta con i gesti del paradosso e perciò con la rinuncia, che il Signore è la ricchezza suprema.

Un po’ come rinunciare a sposarsi in vista del Regno non significa disprezzare il matrimonio, ma annunciare che c’è un amore più grande di quello che germoglia tra due creature. Anzi, dichiarare che questo piccolo amore è stato scelto da Dio come segno di quell’altro più grande. Sicché, chi non si sposa sembra dire ai coniugi: “Splendida la vostra esperienza. Ma non è tutto. Essa è solo un segno. Perché c’è un’esperienza di amore ancora più forte, di cui voi attualmente state vivendo solo un lontanissimo frammento, e che un giorno saremo tutti chiamati a vivere in pienezza”.

Analogamente, farsi povero significa accendere una freccia stradale per indicare ai viandanti distratti la dimensione “simbolica” della ricchezza, e far prendere coscienza a tutti della realtà significata che sta oltre. Significa, in ultima analisi, divenire parabola vivente della “ulteriorità”.

In questo senso, la povertà, prima che rinuncia, è un annuncio. E’ annuncio del Regno che verrà.

(Don Tonino Bello, Sui sentieri di Isaia)