• 16 Luglio 2024 5:53

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

Giornata Bambini vittime: Casellati, “Meter di Don Di Noto punto di riferimento nazionale e internazionale”

Diilsycomoro

Apr 30, 2021

Un momento di grande significato perché ci permette di ricordare l’importante attività che l’Associazione da Lei animata, ha svolto in questi anni: proteggere i bambini, ascoltare le loro storie, accogliere le loro sofferenze, rispondere alle loro domande, sostenere e garantire lo sviluppo armonico delle loro persone, offrire loro una speranza e un futuro. Questa la Vostra missione che, negli anni, ha reso l’Associazione un punto di riferimento nazionale e internazionale”. Lo ha scritto il presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberti Casellati, nel messaggio inviato a don Fortunato Di Noto, presidente e fondatore dell’associazione Meter, in occasione della 25ª Giornata Bambini vittime, esprimendo – anche ai volontari – apprezzamento e sostegno per l’opera a tutela dell’infanzia contro ogni forma di abuso, pedofilia e pedopornografia.

Per la seconda carica dello Stato, Meter è “un riferimento per le coscienze chiamate a interrogarsi sul significato profondo del rispetto per il bambino nelle scelte di vita individuale, un riferimento per la società le cui dinamiche non possono più prescindere dalla considerazione dei bisogni dei bambini, un riferimento per le Istituzioni che devono fare della tutela dei bambini uno degli obiettivi fondamentali della loro azione”. “È per questa ricchezza e generosità di impegno che voglio dunque esprimere, anche in questa ricorrenza, la mia sincera gratitudine”, spiega Caselltati.

Non è un semplice grazie, quello che rivolgo al presidente del Senato”, commenta don Di Noto, “ma è un accorato sentimento di condivisione per il comune impegno verso i tanti minori ‘scartati’ che non ci fanno dormire e che inquietano le nostre coscienze”. “Insieme e non da soli – ammonisce il sacerdote – si può costruire una civiltà del rispetto e dell’amore. Insieme e non sa soli: ogni bambino può e deve essere liberato”.