• 18 Giugno 2024 17:15

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

Las Vegas, Nevada-March 10, 2017: Casino machines in the entertainment area at night

Arrivano alla vigilia dell’appuntamento messinese di “Mettiamoci in gioco”, campagna nazionale contro i rischi del gioco d’azzardo, i dati del secondo libro nero dell’azzardo realizzato da Cgil, Federconsumatori e Fondazione Isscon e basato sulle rilevazioni del 2023 dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli.

Dati che confermano la Sicilia ai primi posti in Italia per gioco d’azzardo e la Città metropolitana di Messina prima nella classifica siciliana per spesa pro capite. Nel dettaglio nel Messinese la spesa pro capite per l’azzardo è di 3.245 euro, seconda si classifica l’Area di Palermo con 3.244 euro, mentre quella di Siracusa è terza con 3.203 euro. Per quanto riguarda le giocate pro capite nei singoli comuni oltre i 10.000 residenti emerge che la media annuale giocata a Patti è di 5.144 euro, superati dai 5.183 di euro di Ficarazzi.

Sui numeri e sui rischi del gioco d’azzardo il “Mettiamoci in gioco“ dà appuntamento a Messina mercoledì 12 giugno alle ore 15:00 nella sala multimediale dell’Istituto Cristo Re (per informazioni questi i contatti: tel. 3317573795 ed email coordinamentogiocodazzardo.me@gmail.com).

L’incontro rappresenta un momento di dialogo tra i rappresentanti istituzionali locali, sanitari, sociali e don Armando Zappolini, portavoce nazionale della campagna, Gino Gandolfo, coordinatore per la regione Sicilia, e Luciano Gualzetti, presidente della Consulta Nazionale Antiusura “Giovanni Paolo II”, che interverrà in collegamento. Durante l’iniziativa si farà il punto sull’evoluzione del gioco d’azzardo in Italia invitando ad una riflessione partecipata su una serie di proposte di gestione del settore.

«I dati recenti preoccupano molto», ricorda la responsabile del Gruppo Messinese “Mettiamoci in gioco” Daniela Milano, che condurrà i lavori del 12 giugno. «Quello del gioco d’azzardo è infatti un fenomeno che continua a coinvolgere una platea di persone sempre più numerosa e trasversale».

Il Gruppo Messinese vede le adesioni di Dipartimento Dipendenze Patologiche dell’ASP, Associazione “Zaleuco”, Associazione Lelat, Auser Messina, CESV Messina, CNCA Sicilia, Caritas Diocesana di Messina-Lipari-S. Lucia del Mela, Centro di Solidarietà Faro, Cgil, Coop. Soc. “S. Maria della Strada”, Fondazione Antiusura “Padre Pino Puglisi”, Presidio Libera a Messina “Nino e Ida Agostino”, Studio Horus, Uil, Ass. Acisjf Messina, Comitato Addiopizzo Messina, Centro Studi Antimafia “Chinnici-Falcone”.