• 24 Giugno 2024 8:02

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

Protesta per ritardo volo, Sperandeo fatto scendere dall’aereo

“Palermo-Milano solo andata”: in questo caso non è il titolo di uno dei suoi film ma una storia vera. Il protagonista è l’attore palermitano Tony Sperandeo che doveva rientrare a Palermo il 26 dicembre, alle 19.15, con il volo w65579 della compagnia Wizzair ma dopo essersi imbarcato è stato costretto a tornare all’interno dei locali dell’aeroporto di Malpensa, scortato dalla polizia, dietro ordine del comandante, con l’accusa di aver “minacciato” l’equipaggio.

Secondo il racconto dell’attore tutti i passeggeri del volo erano rimasti bloccati per due ore, prima al gate e poi nel bus che doveva portarli a bordo perché due membri dell’equipaggio sarebbero mancati all’appello, secondo quanto riferito dal personale presente e, dunque, per questioni di sicurezza, non era possibile procedere all’imbarco. Sperandeo e gli altri passeggeri non avevano gradito il trattamento riservato “lasciati in attesa in aeroporto e poi ammassati dentro il bus” ed avevano protestato. L’attore, dopo aver raggiunto l’aereo e preso posto al 20 D, aveva chiesto spiegazioni al personale di volo, manifestando in maniera chiara il proprio disappunto e, proprio per questo, costretto a lasciare il velivolo, scortato dalla polizia.

“E’ inaccettabile che un cittadino non possa protestare per un disservizio e gli venga riservato questo trattamento – dice Tony Sperandeo – da parte mia nessuna minaccia ma semplicemente chiedevo una spiegazione e mi aspettavo almeno delle scuse per la lunga attesa”. L’attore si è già rivolto allo studio legale Palmigiano e associati, che da anni opera nel settore del diritto dei trasporti, per agire nei confronti della compagnia. E’ stato anche segnalato l’accaduto all’Enac.