• 22 Febbraio 2024 4:14

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

Diocesi di Ragusa, mons. La Placa a Chiaramonte Gulfi

Toccherà la comunità parrocchiale della Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria di Chiaramonte Gulfi la terza tappa della visita pastorale del vescovo di Ragusa, mons. Giuseppe La Placa. Da giovedì 15 a domenica 18 febbraio il presule incontrerà i fedeli di Roccazzo, Sperlinga e Piano dell’Acqua.

Ad accogliere il vescovo, giovedì 15 alle 9, sarà il parroco don Giovanni Piccione che poi accompagnerà mons. La Placa lungo le contrade nelle quali si articola la parrocchia. La visita pastorale avrà ufficialmente inizio però alle 18 con la celebrazione presieduta dal vescovo. Tra gli appuntamenti di un’agenda come sempre molto ricca le visite alle scuole di Roccazzo e Piano dell’Acqua, la benedizione dei luoghi di lavoro, gli incontri con gli anziani, le persone con disabilità, i bambini del catechismo, con le associazioni culturali e ricreative presenti nel territorio. Venerdì 16, alle 20, nella chiesa dell’Immacolata Concezione, ci sarà una via crucis insieme alle comunità della chiesa madre di Chiaramonte Gulfi, di San Nicola e di Maria Ss. del Rosario di Pedalino. Domenica 18 il vescovo celebrerà anche nelle chiese della Sacra Famiglia, a Piano dell’Acqua (10.30), e di Santa Rita a Sperlinga (18.30).

“Siamo pronti ad accogliere il vescovo. Nella comunità – afferma don Piccione – si respira un clima di attesa e di entusiasmo. Ci siamo preparati ad accogliere il vescovo con un ritiro, l’adorazione eucaristica e con una catechesi, approfondendo il significato della visita pastorale ma anche il ministero del vescovo, dei presbiteri e la responsabilità dei laici e rispondendo al questionario”. “C’è fermento anche tra le imprese del territorio”, aggiunge il parroco: “Sono aziende prevalentemente agricole ma non mancano anche altri settori produttivi. Non vediamo l’ora di poter dare il benvenuto al vescovo per pregare con lui e lasciarci illuminare dalle sue parole e dal suo insegnamento”.