• 20 Aprile 2024 8:52

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

Il Papa: marxisti e cristiani, insieme combattete corruzione e illegalità

Francesco riceve i rappresentanti di Dialop Transversal dialogue project, iniziativa nata nel 2014 tra socialisti e cristiani per un’etica comune. A loro l’invito costruire un futuro migliore per un mondo “diviso da guerre e polarizzazioni” e a prestare attenzione a poveri, migranti, disoccupati, senzatetto: coloro che le dittature del passato uccidevano e la “cultura dello scarto” oggi rifiuta. Appello alla politica: “Non si faccia dettar legge da finanza e mercato”

Poveri, disoccupati, senzatetto, immigrati, sfruttati e tutti coloro che le dittature del passato uccidevano e che la “cultura dello scarto” del presente trasforma in rifiuti: dal trattamento loro riservato si misura il livello di civiltà di una società. Papa Francesco torna a ribadire la centralità dei vulnerabili, come pure l’urgenza di contrastare la triplice “piaga” di corruzione, abusi di potere e illegalità – nella politica, come nella società – nel discorso che rivolge questa mattina ai rappresentanti di Dialop Transversal dialogue project. Si tratta di un progetto di dialogo tra socialisti/marxisti, comunisti e cristiani volto a formulare un’etica sociale comune che possa proporsi come nuova narrativa per un’Europa in cerca d’identità, con al centro un’ecologia integrale tra Dottrina Sociale della Chiesa e critica sociale marxista. “Un bel programma!”, dice il Papa. L’iniziativa è nata nel 2014 dopo un incontro tra lo stesso Francesco, Alexis Tsipras, allora presidente del partito Syriza e poi premier greco dal 2015, Walter Baier, presidente del Partito della Sinistra Europea e Franz Kronreif del Movimento dei Focolari (entrambi erano presenti oggi all’udienza).

“Non smettere di sognare”

Francesco riceve 15 membri – 7 della Sinistra e 8 della parte Cattolica di diversi Paesi Europei – dell’associazione questa mattina, nell’Auletta dell’Aula Paolo VI, prima dell’udienza generale, e con loro condivide, da una parte, il dolore per un mondo che oggi appare “diviso da guerre e polarizzazioni”, e dall’altra, l’incoraggiamento a guardare al futuro e cercare di immaginare un “mondo migliore”.

Noi argentini diciamo: no te arrugues, non tirarti indietro. E questo è l’invito che faccio anche a voi: non tiratevi indietro, non arrendetevi, non smettete di sognare un mondo migliore.

Libertà, uguaglianza, dignità, fraternità

“È nell’immaginazione, infatti, che intelligenza, intuizione, esperienza e memoria storica si incontrano per creare, avventurarsi e rischiare”, sottolinea il Papa, ricordando quante volte, lungo i secoli, “sono stati proprio dei grandi sogni di libertà e di uguaglianza, di dignità e di fraternità, specchio del sogno di Dio, a produrre svolte e progressi”.

Sono tre, in quest’ottica, gli atteggiamenti che il Papa indica a Dialop per portare avanti il suo impegno: il coraggio di rompere gli schemi, l’attenzione ai deboli e la promozione della legalità.

Invertire la rotta

Avere il coraggio di rompere gli schemi significa “aprirsi, nel dialogo, a vie nuove”.

In un tempo segnato a vari livelli da conflitti e spaccature, non perdiamo di vista ciò che ancora si può fare per invertire la rotta.

Contro gli approcci rigidi che separano, coltiviamo con cuore aperto il confronto e l’ascolto, non escludendo nessuno, a livello politico, sociale e religioso, perché il contributo di ciascuno possa, nella sua concreta peculiarità, essere accolto positivamente nei processi di cambiamento cui è legato il nostro futuro”, esorta Francesco.

No a leggi della finanza e dei meccanismi di mercato

Chiede poi di prestare sempre attenzione ai deboli perché “la misura di una civiltà si vede da come vengono trattati i più vulnerabili: poveri, disoccupati, senzatetto, immigrati, sfruttati e tutti coloro che la cultura dello scarto trasforma in rifiuti”. Il Papa, a braccio, ricorda la storia del recente passato: “Non dimentichiamo che le grandi dittature, pensiamo al nazismo, scartavano i vulnerabili, li uccidevano”. Quindi si rivolge a chi detiene responsabilità politiche: Una politica veramente al servizio dell’uomo non può lasciarsi dettar legge dalla finanza e dai meccanismi di mercato.

“La solidarietà, oltre che virtù morale, è esigenza di giustizia, che richiede di correggere le distorsioni e purificare le intenzioni dei sistemi iniqui, anche attraverso radicali cambiamenti di prospettiva nella condivisione di sfide e risorse tra gli uomini e tra i popoli”, afferma il Papa. E definisce “poeta sociale” chi si impegna in questo campo, perché “poesia è creatività”, e qui si tratta di “mettere la creatività al servizio della società, perché sia più umana e fraterna”.

Combattere corruzione e illegalità

Ultimo punto, infine, la legalità. “Contrastare la piaga della corruzione, degli abusi di potere e dell’illegalità”, sono le indicazioni del Pontefice, perché “solo nell’onestà, infatti, si possono instaurare relazioni sane e si può cooperare con fiducia ed efficacia alla costruzione di un avvenire migliore”.

Da qui la gratitudine per il “coraggio” a lavorare “per un mondo più giusto e pacifico” e la raccomandazione che “il Vangelo di Gesù Cristo possa sempre ispirare e illuminare la vostra ricerca e le vostre azioni”.

Dieci anni di lavoro

Durante l’udienza di oggi il gruppo di Dialop ha voluto presentare al Pontefice i risultati del lavoro di questi dieci anni, svolto anche con l’appoggio del Dicastero per la Cultura e l’Educazione Cattolica. “Oltre i limiti religiosi e ideologici, cristiani e marxisti come pure persone di buona volontà – spiega l’associazione in una nota – si riconoscono oggi uniti nell’impegno per la fine dei conflitti armati nel mondo e la sicurezza dei più elementari diritti umani, per garantire all’umanità equilibrio sociale e pace”.