• 3 Marzo 2024 16:47

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

Messina. Grande partecipazione per la della Festa Madonna di Lourdes

Diilsycomoro

Feb 12, 2024

di FraPè“Venite in disparte riposatevi un pò’” con questo versetto evangelico Fra Antonino Catalfamo, Ministro Provinciale dei Frati Minori di Sicilia, ha introdotto l’ultima Celebrazione Eucaristica di una giornata intensa che ha visto i Frati del Santuario Nostra Signora di Lourdes di Messina impegnati a Celebrare la Beata Vergine Maria che apparve a Bernadette a Massabielle.

I volontari, braccia operative del Rettore del Santuario Fra Benedetto Amodeo, hanno iniziato ad accogliere i pellegrini e i fedeli sin dalle 7,30 del mattino. Un via vai di gente che ieri sera sino a tardi ha fatto visita alla grotta ormai meta di pellegrinaggio non solo per i messinesi ma per tutta la Sicilia e parte della vicina Calabria.

Volti tristi, sereni, volti stanchi e speranzosi, occhi pieni di lacrime, occhi pieni di attesa. Figli che vanno da un Madre per chiedere qualcosa: forse il dono della salute per se stessi o per il figlio o il marito o un parente, o semplicemente per un amico. Salute non solo del corpo ma anche dell’anima. Il miracolo di una vita serena, una vita di Grazia che permetta di crescere nella fede.

Nonostante il tempo che minacciava pioggia tutte le Messe celebrate, hanno visto tantissimi fedeli presenti. Tantissimi hanno approdato al Sacramento della Riconciliazione. Celebrazioni che hanno visto la presenza del Parroco della Parrocchia Santa Maria di Pompei Fra Francesco La Porta, dei Padri Salesiani con Don Rocco Tasca e dell’Arcivescovo di Messina Mons. Giovanni Accola e di altri sacerdoti venuti da altri luoghi. Il Vescovo prendendo spunto del Messaggio del Papa per la Giornata Mondiale del malato, ha evidenziato l’importanza del dinamismo delle relazioni e dell’amicizia, partendo dal versetto tratto dal Libro della Genesi: “Non è buono che l’uomo sia solo”.

Mons. Accola ha voluto ringraziare i frati minori per il loro servizio e per la testimonianza che danno ogni giorno accogliendo tutti e in particolari gli ammalati e i poveri.

Nel pomeriggio nonostante le previsioni, si è sfidata la pioggia e il simulacro della Vergine di Lourdes è uscito in processione. Come ogni hanno ha fatto tappa davanti alla Clinica “Villa Salus” dove si è pregato per tutti i malati e gli operatori sanitari e per la Sanità in questo momento in forte crisi.

Tantissima gente ha accolto il passaggio della Madonna dai balconi delle proprie case e anche dalle proprie auto sussurrando qualche breve preghiera o semplicemente segnandosi con un Segno di Croce.

Tanta la commozione al rientro della Madonna al Santuario dove ad aspettarla tanta gente con fazzoletti colorati in mano. La Giornata si è conclusa con la celebrazione presieduta da Fra Antonino Catalfamo. Il Ministro Provinciale commentando il brano del Vangelo delle Nozza di Cana, ha messo in evidenza come nessuno viene lascito solo. Come in quella festa anche nella vita abbiamo vicino Maria che come Mamma provvede a noi se ci viene a mancare qualcosa. Fa riferimento anche ai giovani che oggi più che mai sono disorientati perché mancano veri punti di riferimento dietro a loro.

Alla fine di una giornata sicuramente da ricordare per i tanti doni, un fuori onda che è risultato piacevole: ad un certo punto dell’omelia la chiesa rimane al buio a causa di un corto circuito, ma Fra Antonino continua lo stesso l’omelia in un’aula liturgica illuminata dalle sole candele creando un clima suggestivo di altri tempi. Sembrava che la Parola entrasse meglio nel cuore di ogni persona presente e che Maria illuminata dalle candele indicando Gesù dicesse ancora una volta: “Fate quello che vi dirà!”.

A noi il compito di ascoltare, meditare e conservare tutto nel nostro cuore per metterci in cammino per servire ogni fratello e sorella che incontriamo nella nostra esistenza, proprio come Maria.