• 21 Aprile 2024 1:17

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

di Nicola Antonazzo – Come da tradizione, anche quest’anno, il 3 gennaio, in occasione del suo 132° compleanno, in tutto il mondo si festeggia il Tolkien Toast, il “brindisi per il professore”. Ad essere festeggiato è J. R. R. Tolkien, il padre della Terra di mezzo, il luogo fantastico dove si svolgono le vicende narrate nelle pagine de Lo Hobbit e de “Il Signore degli Anelli”.  I più ligi al dovere hanno alzato i calici alle ore 21:00, ma tutto il mondo tolkieniano ha trovato il modo di ricordare il prof. di Oxford anche in altri momenti meno canonici.

A Messina la ricorrenza ha segnato la prima uscita ufficiale della nuova Associazione Tolkieniana denominata Eriador. Erede del gruppo “La Contea”, che negli ultimi anni si era reso protagonista di importanti iniziative culturali, Eriador si propone di continuare a divulgare l’opera tolkieniana attraverso l’organizzazione di eventi culturali e ricreativi, scambi di informazioni e progetti in comune con altre realtà che condividono la stessa passione.

Il neo presidente, Marco Boncoddo ha sottolineato questa continuità nel passaggio di nome richiamando sia il lavoro già svolto sia i recenti eventi proposti dalla nascente associazione. L’incontro si è svolto presso la Libreria Ciofalo Mondadori Bookstore. Con la firma dello statuto e l’adesione dei nuovi soci che si affiancano ai fondatori, inizia un nuovo capitolo per gli appassionati tolkieniani di Messina. Durante il brindisi ognuno dei presenti ha avuto modo di alzare il calice in onore di Tolkien condividendo il motivo della propria passione per un’opera che dopo più di mezzo secolo continua ad affascinare grandi e piccoli e non smette di raccogliere nuovi appassionati.

Grazie anche alle trasposizioni cinematografiche e televisive, l’epica tolkieniana continua ad essere oggetto di studio e ad alimentare una fetta del mercato editoriale in modo sempre più incisivo.  In quest’ottica rientra l’iniziativa “Itinerari Tolkieniani” che si svolgerà tra il 9 e il 15 gennaio presso i locali del Cospecs di Messina.

Un progetto di 30 ore, in collaborazione con le associazioni Terremoti di Carta, Studi Tolkieniani, Il Cappellaio, rivolto agli studenti e alle studentesse dell’Istituto “La Farina”.