• 21 Aprile 2024 0:34

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

Palermo. Addiopizzo, volantinaggio ai commercianti per denunciare

I volontari di Addiopizzo percorreranno Corso Calatafimi, tra le zone a più alta densità commerciale a Palermo, e inviteranno i negozianti a denunciare e non pagare il pizzo. L’iniziativa è stata presentata oggi alla presenza di numerosi studenti nel complesso dell’istituto Maria Adelaide.

“Già diversi commercianti della zona li abbiamo accompagnati in questo percorso di libertà dal pizzo – dice Chloé Tucciarelli volontaria dell’associazione – Ci sono parrucchieri, commercianti di abbigliamento e titolari di onoranze funebri della zona di Corso Calatafimi che hanno iniziato a collaborare e denunciare il pizzo. Dal 2006 ne abbiamo assistiti circa 300, ma sono pochi rispetto ai tanti che ancora adesso pagano. Per questo domani busseremo alle vetrine e cercheremo di sensibilizzare e informare. Il senso di tale percorso è quello di estendere in maniera più diffusa la rete di consumo critico antiracket “Pago chi non paga”, offrire il supporto dell’associazione a coloro che ancora adesso vivono stretti dalla morsa delle estorsioni e sensibilizzare il tessuto sociale a fare la propria parte attraverso la pratica degli acquisti”.

L’associazione vuole cogliere l’occasione per rilanciare l’appello a commercianti e imprenditori affinché collaborino e ai cittadini a sostenere con gli acquisti chi ha trovato il coraggio di denunciare. A Natale come a Pasqua si paga la rata più grossa per la cosiddetta richiesta di messa a posto da parte di Cosa Nostra.

“Vogliamo proseguire e rilanciare l’attività di sensibilizzazione, prevenzione e contrasto al racket delle estorsioni nell’area di Pagliarelli – aggiunge la volontaria – dove in passato abbiamo supportato commercianti e imprenditori che hanno trovato la forza e il coraggio di denunciare e in cui, tuttavia, il fenomeno resta presente”.