• 13 Aprile 2024 9:11

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

San Valentino, giorno da vivere nel segno dell’amore o semplice appuntamento commerciale?

Diilsycomoro

Feb 14, 2024

Quelli che «va bene tutto ma san Valentino no. Stasera sto a casa, magari mi guardo un film». Quelli che «mica mi faccio fregare, è solo un giorno succhiasoldi. E poi si festeggiano Cirillo e Metodio, due grandissimi santi». Ma ci sono anche quelli che «è un appuntamento così romantico, mi piace un sacco». E quelli che «almeno un fiore lo regalo sempre. Un piccolo segno ma importante». Pochi giorni appassionano e dividono come il 14 febbraio. E il santo, Valentino, c’entra poco. Il problema è semmai il business nato intorno alla “festa degli innamorati”, che di sicuro non si fermerà neppure quest’anno in cui coincide con il mercoledì delle ceneri, cioè per le Chiese di rito romano l’inizio della Quaresima. Secondo le stime della Fipe-Confcommercio (Federazione italiana pubblici esercizi) 5 milioni e mezzo di italiani la sera del 14 febbraio ceneranno fuori, spendendo mediamente 53 euro a persona per un ammontare complessivo di 290 milioni, in crescita de 7.4% rispetto al 2023. Più costosi anche i regali “classici”, con rincari intorno all’8%, ma più alti per i cioccolatini (+ 22%) e per i cofanetti per il trattamento corpo (+25%) molto gettonati in questo periodo.

Fin qui, dunque, l’arido linguaggio del commercio, con cui san Valentino ha poco da spartire. Lui, semplicemente, si è limitato a difendere e benedire l’amore vero. Le biografie che ne raccontano la vita lo presentano come vescovo di Terni vissuto nel IV secolo e in particolare si soffermano sull’episodio che lo rese celebre. La storia riguarda tre nobili ateniesi, Proculo, Efebo e Apollonio giunti a Roma dal retore Cratone maestro di greco e latino il cui figlio era affetto da una grave deformità. Venuto a conoscenza delle particolari capacità di Valentino, Cratone lo chiamò a Roma promettendogli di farsi battezzare se il figlio fosse guarito. E così fece: risanato il figlio si battezzò con tutta la sua famiglia, i tre nobili ateniesi e Abbondio, figlio del prefetto Furioso Placido. Quest’ultimo, saputo della conversione di Abbondio, fece decapitare il santo al secondo miglio della via Flaminia, ma di nascosto per evitare tumulti popolari. Il corpo di Valentino sarebbe poi stato portato a Terni da Proculo. Efebo e Apollonio a loro volta martirizzati e seppelliti presso la tomba del vescovo.

La festa degli innamorati

Quanto al legame di Valentino con gli innamorati, dipenderebbe principalmente da un racconto di Geoffrey Chaucer (1343-1400) secondo il quale il giorno di San Valentino gli uccelli iniziano le loro danze d’amore. Un’altra storia vuole invece che il santo facesse riappacificare le coppie, come nel caso di due fidanzati cui Valentino mise in mano una rosa, raccomandando loro di non pungersi. Recitata poi una preghiera, i ragazzi smisero di bisticciare. C’è poi il racconto del legionario pagano innamorato di una cristiana con cui si vuole sposare malgrado il no della famiglia di lei. Il ragazzo si rivolge a Valentino che lo battezza per boi benedire le nozze.
Al di là delle narrazioni più o meno certificate resta comunque la devozione verso un grande santo coraggioso e di straordinario spessore umano e spirituale, che certo non può essere ridotto a icona di cene a lume di candela. o cioccolatini.

(fonte Avvenire)