• 22 Febbraio 2024 6:10

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

XXV Corso Nazionale per gli Insegnanti di Religione cattolica a Messina

Si è aperto oggi presso l’Istituto Teologico San Tommaso di Messina il XXV Corso Nazionale per gli Insegnanti di Religione cattolica, approvato dal “Servizio Nazionale per l’Insegnamento della Religione Cattolica” della Cei e riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione della Repubblica Italiana, coordinato dal prof. Don Antonino Romano e dall’Equipe del Centro di pedagogia religiosa.

I partecipanti sono oltre 150 e provengono da varie parte d’Italia e della Diocesi di Messina. Il XXV Corso è stato salutato positivamente dal Ministro Giuseppe Valditara che ha sottolineato il suo vivo apprezzamento per le attenzioni dedicate alle “esigenze della scuola italiana e dei nostri ragazzi”.

Anche il card. Angel Fernandez Artime, Rettor Maggiore dei Salesiani, ha evidenziato l’importanza di una pedagogia pratica che promuova il “laboratorio comunitario delle relazioni”, ascoltando i sogni dei ragazzi come ai tempi di don Bosco.

Il Corso promuove una sinfonia di saperi e di abilità attorno al tema emergente: il rapporto tra soft skills e IRC. Il programma del Corso coniuga queste due esigenze teorico-pratiche attraverso le quattro sessioni di conferenze e di laboratori metodologici. La presenza del prof. Andrea Porcarelli (Università di Padova), del prof. Mons. Vincenzo Annicchiarico (già Direttore Nazionale IRC), della prof.ssa Rosa Poggio, di Mons. Liberto (già Direttore della Cappella Sistina) e di tanti altri docenti e tutor confermano l’attualità del tema del Corso e i suoi elementi più innovativi per la ricerca scientifica in questo ambito ancora inesplorato.