• 22 Febbraio 2024 6:31

Quotidiano di ispirazione cristiana e francescana

Il Ministro Generale dei Frati Minori visita i Frati dell’America Centrale e Caraibi

Dal 22 al 31 ottobre 2023 Fr. Massimo Fusarelli, OFM ha visitato la Provincia “Nuestra Señora de Guadalupe” accompagnato da Fr. Joaquín Echeverry, OFM Definitore generale.
La visita è iniziata nella regione del Guatemala dove, nella curia provinciale, ha incontrato il definitorio per conoscere la realtà della Provincia. Ha incontrato anche i fratelli guardiani, che ha incoraggiato a guidare con carità e diligenza la vita delle fraternità, nonostante il difficile compito che in alcuni casi comporta. Ha incontrato inoltre le suore Clarisse del Monastero Santa Clara, a Puerta Parada.

“Noi francescani siamo chiamati a riconoscere in tutte le persone la misericordia che trabocca sulla nostra debolezza, sulle nostre fragilità e sul nostro peccato”, ha detto Fr. Massimo durante l’omelia dell’Eucaristica celebrata nella cappella Hermano Pedro di Monte San Francisco. Di fronte alla realtà che si sta vivendo in America Centrale il Ministro ha invitato i frati, i fratelli dell’OFS e i fedeli riuniti sul posto, ad essere portatori di pace, a non aver paura e ad essere uomini e donne di misericordia.

Il 24 ottobre ha incontrato i formatori e i formandi: ha incoraggiato i formatori a continuare il compito di accompagnamento ai fratelli e ha mostrato loro la necessità di formarsi per poter accompagnare i diversi processi. Ha poi invitato i fratelli di professione temporanea e i novizi a essere autentici, umani e fratelli, per poter camminare con maggiore libertà e dedizione in questo stile di vita. Si è inoltre incontrato con i novizi in videoconferenza, invitandoli a vivere con gioia e dedizione secondo il Vangelo per renderne testimonianza; inoltre ha ricordato loro che siamo fratelli minori in questo tempo e per questo bisogna rispondere alla chiamata di Dio in questa realtà.

Il 25 ha visitato il centro di recupero per persone con dipendenze, “Renacer”, situato a Sumpango, Sacatepéquez, ringraziando la fraternità per il nobile lavoro che sta accompagnando i residenti di questo centro, e li ha incoraggiati a fare un buon processo di recupero per poter avere un adeguato inserimento nella società, mettendo a frutto questo processo che molti non hanno a portata di mano e muoiono per le conseguenze delle loro dipendenze.  Il Ministro generale ha poi visitato l’Ospedale Obras Sociales del Santo Hermano Pedro ad Antigua Guatemala, che ha 25 cliniche (medicina generale e specialità), oltre a un programma chirurgico annuale in cui intervengono medici chirurghi volontari al servizio dei più poveri. Lì Fr. Massimo ha ricevuto la “Orden del Hermano Pedro”. Ha anche visitato il “Hogar Virgen del Socorro”, dove ci si prende cura di oltre 250 persone con disabilità; nella fraternità ha condiviso con i fratelli dell’infermeria provinciale, ringraziandoli per la loro dedizione, e li ha incoraggiati a confidare sempre in Dio.
“L’Hermano Pedro, a suo tempo discepolo di Francesco, ha riparato il tempio dei più poveri, e ancora oggi continua a riparare il tempio della vita dei più poveri, perché il Signore possa risplendere attraverso la carità”, sono state le parole del Ministro nel tempio San Francisco el Grande, dove si trovano le rovine dell’antico convento, la tomba del Santo Hermano Pedro e del Servo di Dio Fra Augusto Rafael Ramirez Monastero, OFM.

Il 26 Fr. Massimo ha fatto visita ai fratelli della regione di Panama, che si trovano nel bel mezzo delle proteste per il contratto minerario; per questo motivo la riunione si è svolta in videoconferenza perché i fratelli non potevano trasferirsi nella capitale. Il Ministro, date le situazioni particolari che attraversa l’America Centrale, ha motivato i fratelli a rimanere sempre pellegrini e forestieri, a vivere nella libertà evangelica. “Ci si potrà togliere tutto in quanto a beni materiali, ma rimarrà sempre quello che siamo: fratelli e minori, questa è la nostra autentica proprietà”. In un dialogo aperto durante questo incontro, i fratelli hanno condiviso con lui il cammino delle fraternità e le attività a livello di GPIC: lotta contro l’estrazione mineraria, impegni della Rete Francescana dei Migranti e il cammino della formazione iniziale.

Dal 27 al 31 ottobre Fr. Massimo ha visitato i fratelli della Repubblica Dominicana, nelle fraternità di Villa Duarte e Bonao; in un momento di minorità e fraternità, ha incoraggiato i fratelli che recentemente si sono integrati nella fraternità provinciale. Ha visitato anche le rovine del primo convento francescano in America e la cappella della Madonna del Rosario dove si è svolto un momento di preghiera per la pace. La mattina del 30 ha tenuto una riunione in videoconferenza con i fratelli della fondazione “La Santa Cruz” di Haiti, poiché a causa dei problemi sociopolitici di quel paese non ha potuto visitarli di persona; in questa riunione i fratelli hanno condiviso le loro impressioni sulla realtà di come si vive l’essere fratello minore in quella parte dell’isola.